Home

Una via d'uscita dal vicolo cieco

Per la prima volta si presenta per le assistenti di studio medico un’opportunità regolamentata e riconosciuta a livello federale di uno sviluppo professionale. La coordinatrice in medicina ambulatoriale con indirizzo clinico o gestione, attraverso un esame professionale, otterrà un attestato di formazione continua certificata. Il suo campo di attività è ampliato e comprenderà l’accompagnamento dei pazienti (indirizzo clinico) o, in funzione di quadro si occuperà della gestione del personale e dello studio medico (indirizzo gestione).
L’Odamed formazione professionale ASM è l’organo responsabile dell’organizzazione dell’esame professionale e dell’accreditamento dei prestatari della formazione superiore. Si occupa anche della supervisione dell’insegnamento e della valutazione (degli esami) dei moduli.

 

 

Due indirizzi: due profili professionali

La coordinatrice in medicina ambulatoriale, indirizzo clinico, esercita in uno studio medico e, sotto la supervisione di un medico, accompagna le persone affette da una o più malattie croniche. Tenendo conto dello stato attuale del paziente, pianifica in base a linee guida basate sull’evidenza la gestione futura, stimola le competenze di autonomia e di cura dei pazienti e favorisce le cure prodigate dai familiari. Si occupa del coordinamento dei diversi servizi pubblici messi a disposizione e contribuisce a semplificarne l’accesso. Conosce i principali ruoli e i campi di competenza degli altri professionisti della salute e rispetta i limiti delle proprie competenze professionali.

Nelle relazioni con le assicurazioni, malattia e altre, apporta il suo contributo in qualità di responsabile di gruppo nell’ambito del Case Management.

La coordinatrice in medicina ambulatoriale indirizzo gestione unisce l’esperienza professionale nel campo medico-clinico alle competenze di gestione aziendale. All’interno dello studio medico ha una funzione quadro e si occupa della gestione delle risorse umane, delle entrate, del marketing dello studio medico e della garanzia della qualità. Nelle relazioni con le assicurazioni, malattia e altre, apporta il suo contributo in qualità di responsabile di gruppo in seno al Case Management.

 

 

 

La formazione continua modulare conduce all’esame professionale

Per essere ammessi all’esame professionale è necessario presentare i certificati che attestino il superamento dei moduli previsti dal regolamento dell’esame professionale. Per i due indirizzi esistono complessivamente 15 moduli, alcuni obbligatori altri a scelta. Tutti i moduli sono disponibili in tedesco e francese. I moduli in italiano sono in fase di preparazione.